+39 339 1828 249 info@socialfit.it

L’altro giorno durante una consulenza mi è stata posta una domanda che mi ha fatto riflettere, seppur nella sua semplicità.

“Alberto, quanti followers deve avere la mia palestra su Instagram”?

 Ammetto che nella sua ingenuità la domanda mi ha un po’ spiazzato.

 

 

Sembrava quasi che prevedesse l’esistenza di un numero magico di followers che una palestra deve avere per essere ritenuta di successo.

Come se con 10k followers possano piovere abbonamenti.

Ti piacerebbe eh? Anche a me, ma tra poco vedremo che purtroppo non è così.

 

Analizziamo la situazione: viviamo in un mondo che ci vincola ai numeri dei nostri social: like, followers, condivisioni, visualizzazioni. Abbiamo appiccicato un’etichetta a tutto, basando su di essa il nostro insindacabile giudizio.

Mi sembra di rivivere quella puntata di Black Mirror, dove la ragazza ottiene dalle persone un punteggio che va ad aumentare/abbassare la sua popolarità in relazione al suo comportamento. Pazzesco. Assurdo!

Ma così funziona. Ed evidentemente, quella domanda che tanto mi ha spiazzato per la sua improbabilità, alla fine tanto improbabile non era.

 

Ma bando ai convenevoli. Andiamo a vedere la mia risposta e scopriamo come questa può essere utile anche al tuo fitness business.

 

La risposta si è divisa in due parti. E ora le vediamo insieme.

  • PARTE 1 LA MAZZATA
  • PARTE 2 LA SPIEGAZIONE

 

INIZIAMO DALLA PARTE 1: LA MAZZATA

Davvero pensi che i followers Instagram possano essere l’indicatore del successo della tua attività fitness? Seriamente? Dai, non mi prendere in giro.

Ok che ti piace vedere sul tuo canale millemila followers, ma seriamente pensi possa incidere sul comportamento d’acquisto dei tuoi potenziali clienti?

Siamo schiavi dei numeri in maniera quasi patologica, al punto da tanto da farci pensare che il numero di followers possa in qualche modo incidere su cosa pensano di noi.

 

Il marketing del fitness è tanto, ma tanto altro.

Instagram è uno strumento fondamentale per il tuo fitness business, certo, ma non l’unico strumento su cui basare la tua strategia.

 

E poi, chi ha detto che esista una quantità di follower  minima per decretare il tuo successo?

 

PARTE 2: LA SPIEGAZIONE

Dopo aver messi “i puntini sulle I”, passiamo alla spiegazione.

Che è l’anima di questo post.

 

CHIEDERSI QUANTI FOLLOWER DEVI AVERE SU INSTAGRAM E’ LA DOMANDA SBAGLIATA

 

Quello che devi chiederti è:

 

I MIEI FOLLOWER SONO MIEI SEGUACI?

 

E tu ti chiederai: cosa cambia? Cambia, cambia, eccome se cambia.

Un follower è un numero, molto spesso vuoto, un seguace è una persona che ti segue e apprezza il tuo lavoro su Instagram.

 

I follower, per essere chiari, sono quelli che in gergo tecnico sono definiti VANITY METRICS, ossia metriche di vanità. Numeri belli da vedere ma fini a sé stessi.

Se Instagram è per te uno strumento di business, questi numeri non possono essere vuoti.

Anche perché, non ti servirebbero a niente.

 

Quello che devi creare è una fitness community, ossia un gruppo di persone che la pensa come te, apprezza il tuo lavoro e sente il bisogno di seguirti per i tuoi consigli o l’ispirazione che dai.

 

QUINDI…QUALITY OVER QUANTITY

Ossia: meglio pochi seguaci che interagiscono con te ogni giorno e hanno le carte in regola per diventare potenziali clienti, piuttosto che un numero di follower altissimo ma privo di persone realmente interessate al tuo canale.

 

Mi rendo conto che in un mondo in cui c’è la gara a chi compra più follower questo discorso va nettamente in controtendenza, ma Instagram non lascia scampo:

se vuoi essere premiato dal suo algoritmo devi generare relazioni con persone VERE.

Al contrario account pieni di “fake” verranno bastonati e penalizzati in termini di visibilità.

Instagram ama la relazione, premia la relazione, favorisce la relazione.

 

Rendere Instagram più “social” premierà il tuo fitness business. Lo so, è davvero difficile, ma è l’unica strada per fare di questo canale un reale strumento di marketing.

 

Che senso ha avere migliaia di follower e non avere nessuno che ti scrive per ottenere maggiori informazioni o per farti una domanda?

Che senso ha costruire un canale su numeri finti, se poi vieni penalizzato dallo stesso Instagram?

 

Anche perché, c’è un altro aspetto estremamente importante che devi considerare. E qui entriamo brevemente nell’ambito tecnico:

 

Sai qual è l’obiettivo di Instagram? Quello di tutti i social network, ossia far rimanere le persone sulla sua piattaforma il più possibile. Più questo avviene, più la piattaforma acquisisce valore. Chiaro il concetto, no?

 

Ecco. E come fa quindi a perseguire il suo obiettivo? Gli servi tu, e tutti gli iscritti ad Instagram!

Ti spiego: pubblicando contenuti di valore e coltivando relazioni, le persone graviteranno sempre più attorno al tuo canale.

Facendo questo tu fai un favore ad Instagram, in quanto lo aiuti a “trattenere” le persone sulla piattaforma.

Più aiuti Instagram, più lui se ne accorgerà. Più se ne accorgerà, più favorirà la visibilità dei tuoi contenuti.

 

Se non ti è chiaro il concetto…ecco il riassunto:

 

TI HO PER CASO DETTO CHE LA RISPOSTA SI E’ DIVISA IN DUE PARTI? SCHERZAVO, CE N’E’ UNA TERZA.

A seguito della mia risposta, il mio interlocutore con aria altrettanto innocente mi ha chiesto:

“Ma allora, a cosa servono tutti quei programmi per mettere dei like in automatico alle persone?”

 

E qui…si è aperta un’altra lacuna su cui ho messo una bella pezza, che ora vado a condividere con te.

 

Quei programmi, come saprai, si chiamano Instagram Bot, e la loro funzione è quella di interagire con like e commenti al tuo posto, con persone presumibilmente in target con te, in base alle impostazioni.

 

In parole povere, questo tool altro non fa che eseguire un’interazione al tuo posto.

Mettendo un like o commentando una foto, le persone ti noteranno e visiteranno il tuo profilo.

Se questo sarà giudicato d’interesse, probabilmente verrai a tua volta seguito e avrai la possibilità di creare una nuova connessione.

 

Ora, qui ci sono differenti correnti di pensiero.

C’è chi si schiera totalmente contro, c’è chi ne ha fatto una soluzione.

 

Ora ti dico chi ha ragione, esattamente come ho fatto durante la consulenza.

Se usi un bot, Instagram lo sa, lo vede. Che sia un programma e non una persona ad interagire lo riconosce. E credimi, la cosa non gli piace proprio.

Anche perché, come abbiamo detto, le due cose che Instagram si aspetta sono relazioni e autenticità.

E tu così facendo non stai dando nemmeno mezza delle due.

 

Però…c’è un però.

 

Diciamo che interagire con centinaia di persone al giorno in maniera manuale non è esattamente la cosa più comoda del mondo. Richiede tempo e pazienza, cosa che non tutti hanno.

Quindi, un piccolo “aiutino” esterno potrebbe essere una soluzione intelligente. Si, ma temporanea.

 

Io ho parlato di aiutino, non di sostituire le tue azioni.

Chi si affida unicamente all’engagement di un programma sbaglia, esattamente come chi compra follower “finti” solo per farsi bello. Ricordati che stiamo pur sempre parlando di un programma, che sceglie secondo i suoi parametri con chi interagire o meno. E i suoi parametri possono essere anche sbagliati, rispetto alle tue scelte e alle tue preferenze.

 

I bot notoriamente perdono di vista il pubblico target, finendo col riempirti di followers da chissà quale parte del mondo, creando dei danni alla qualità del tuo profilo.

 

Chi invece ne utilizza le funzioni per un limitato periodo di tempo al fine di effettuare un’azione push e dare una piccola “spintina”, non rischia di compromettere la qualità del canale. Quindi, in questo caso, l’utilizzo è contemplato.

 

IN CONCLUSIONE

 

Instagram è il social d’Italia in questo momento. Non c’è storia.

 

Il mondo del fitness ne ha fatto il canale ottimale per raccontarsi. Una palestra, un box CrossFit, un centro funzionale, un personal trainer possono fare di questo canale uno strumento di marketing potentissimo tra stories, una gallery ben curata, sondaggi e conversazioni in direct.

 

E’ un canale completo, intuitivo e perfettamente in linea con l’esperienza utente italiana.

Hai in mano una grande opportunità per raccontarti e intercettare l’attenzione di tantissime persone. Questo però, non ti deve far fermare ai soli numeri.

 

Prima andrai in controtendenza rispetto alla credenza popolare + followers = + successo, prima creerai la tua personale community, prima prenderai in mano il tuo canale.

Dominando l’attenzione delle persone giuste potrai ritrovarti in mano una grande occasione.

 

Tempo, pazienza e costanza. Solo così creerai un canale Instagram fitness di successo.

D’altronde, come dice il saggio, non esiste un contadino che raccoglie senza aver seminato.